Runner's World di giugno 2020

Una copertina insolita che racconta una realtà di cui andare molto fieri: il running è diventato uno dei motori principali della solidarietà.
Scopri i contenuti ​​

Runner's World di giugno 2020

Una copertina insolita, quella del mese di giugno, che racconta una realtà di cui andare molto fieri. Già perché, in questi anni, il running è diventato uno dei motori principali della solidarietà, capace di raccogliere cifre importanti e di smuovere grandi masse di persone impegnate per una causa superiore.

Andrea Galbiati

Runner's World di giugno 2020

Parliamo di atleti illuminati - come Andrea Galbiati, il protagonista della nostra cover - che si mettono a disposizione degli altri. E nel servizio “Tutto il bene della corsa” vi raccontiamo le storie di tanti altri protagonisti italiani delle charities.

Speciale donna

Runner's World di giugno 2020

Ogni mese vi abbiamo abituati ad uno speciale: quello di questo numero è dedicato alle donne. 14 pagine tutte al femminile per raccontare il lato rosa della corsa. Dalle storie di sei donne che hanno cambiato la loro vita grazie al running, ai consigli per correre in sicurezza, passando per le vetrine di scarpe e abbigliamento. Non manca un approfondimento sulla sicurezza con i consigli degli esperti di RW.

Guida Scarpe

Runner's World di giugno 2020

E, a proposito di scarpe, vi raccontiamo come sono le novità del 2020 che stanno vivacizzando il mercato: leggere, veloci, ma soprattutto confortevoli. 5 modelli al top con nuove mescole per le intersuole e l’uso sempre più diffuso di piastre in fibra di carbonio.

Percorsi trail più belli

Runner's World di giugno 2020

Un altro highlight (come direbbero i nostri cugini americani) di questo numero sono le 11 pagine dedicate ad alcuni tra i percorsi trail più belli della nostra Penisola. Dieci itinerari da provare almeno una volta nella vita, chilometri da perderci il fiato, sospesi tra panorami mozzafiato, storia, arte e cultura e tanto, tanto dislivello.
Ma sarebbero tanti altri i servizi da citare, presenti sull’ultimo numero di RW. Chiudiamo parlando però dello “Speciale Cardio” (6 pagine). La maggior parte dei runner si basa sul ritmo al km per misurare l’intensità dei propri allenamenti e difficilmente sentiremo qualcuno chiederci in che zona cardio siamo. Questo, anche se al polso abbiamo sportwatch e activity tracker dotati di rilevazione della frequenza cardiaca sempre più precisa. Abbiamo pensato allora di raccontarvi come migliorare le vostre prestazioni prendendo confidenza coi numeri e i dati relativi alla frequenza cardiaca.
Buona lettura!


© RIPRODUZIONE RISERVATA