Comparativa Supesportive 1000 05-2012
Rivista
Motociclismo
Anno
2012
Mese
05
4 €

Modelli

Aprilia RSV4 Factory Aprc 2012

Bmw S 1000 RR 2012

Ducati 1199 Panigale S 2012

Kawasaki Ninja ZX-10R 2011-2016

Sezione
Sportive
In breve
La ZX-10R nel 2011 viene completamente riprogettata per poter competere con le concorrenti più agguerrite e primeggiare nel Campionato SBK, è con questo modello infatti che inizia il dominio pressoché assoluto della Casa di Akashi tra le derivate di serie a partire dal 2013. Il 4 in linea ha una potenza dichiarata di 200 CV, imbrigliati da controllo di trazione regolabile e dalle mappature selezionabili; il telaio in alluminio molto ha quote ciclistiche improntate alla stabilità, tanto che l’avantreno risulta tra i più stabili nel panorama delle supersportive. Nella guida in pista l’ABS è troppo invasivo (ma si può disinserire) e le pedane basse limitano la luce a terra; inoltre se si vuole fare il tempo si sente la mancanza del cambio elettronico.
Pregi
Avantreno - Frenata - Cambio e frizione
Difetti
Rapportatura lunga - Pedane avanzate - Allungo motore

MV Agusta F4 RR 2012

Suzuki GSX-R 1000 2009-2016

Sezione
Sportive
In breve
La GSX-R 1000 m.y. 2009 dimagrisce di 5 kg rispetto alla precedente generazione grazie al motore alleggerito e compattato, alla forcella Showa BPF e alle pinze freno monoblocco. Il sistema di scarico rimane ingombrante e le sospensioni hanno una taratura intermedia buona sia per la pista sia per l’uso stradale. Rispetto alla K7 la maxi GSX-R risulta un po’ più addomesticata: la posizione di guida è più confortevole (e le pedane sono regolabili), la sella non affatica troppo e la protezione aerodinamica è ottima. Tra maneggevolezza e stabilità la GSX predilige quest’ultima, pagando qualcosa quando le curve si fanno strette ma riprendendosi tutto con gli interessi sul veloce, dove offre un rigore da riferimento anche su asfalto non perfetto. Comodo poter scegliere tra 3 mappature motore (non c’è il TC), la frenata è ben dosabile ma in pista risulta fin troppo dolce.
Pregi
Ciclistica equilibrata - Motore pieno ai bassi giri - Sospensioni
Difetti
Frenata spugnosa - Allungo motore - Pedale freno posteriore

Yamaha YZF-R1 2009-2014

Sezione
Sportive
In breve
Arrivata alla sesta serie, la R1 si rinnova completamente e adotta il celebre motore a scoppi irregolari crossplane derivato dalla MotoGP. La potenza cresce di poco (2 CV rispetto alla precedente generazione) ma l’erogazione diventa molto più lineare e sfruttabile, il tutto condito da un sound unico. Nel 2009 arrivano anche le tre mappature selezionabili che modificano l’erogazione dalla più aggressiva “A” alla più conservativa “B” passando per la STD. Oltre che in pista la R1 2009 è anche efficace su strada, grazie a una posizione di guida non esasperata e alla dolcezza del motore.
Pregi
Motore pieno ma facile - Guida efficace - Unicità della moto
Difetti
Peso elevato - Erogazione con mappa "A" troppo brusca - Reazioni dell'ammortizzatore di sterzo alle basse velocità